Tag: empoli

Te-le racconto io le storie

TE-LE RACCONTO IO LE STORIE
dalla parte del Lupo, dalla parte di Cappuccetto Rosso, dalla parte della Nonna
Destinatari scuole dell’infanzia

Tre video-lettere una per ogni personaggio. Il personaggio si racconta e racconta la storia dal suo punto di vista. Ogni sezione che aderisce al progetto riceve per tre volte la visita della postina del teatro che porta una chiavetta con la video lettera dei personaggi (Cappuccetto, il Lupo e la Nonna) Dopo ogni video partirà una corrispondenza tra la sezione e il Lupo, la Nonna e Cappuccetto. Abbiamo scelto una fiaba conosciuta perché così è possibile modificarla in parte seguendo le ragioni e le opinioni dei personaggi principali. Si potranno così rovesciare dinamiche narrative note. Il rapporto è quello confidenziale, così che gli spettatori bambini entrano in intimità con il personaggio. Dopo la visione del video i bambini potranno dare consigli, modificare la fine, inventarne diverse versioni, introdurre altri personaggi o scene. Soluzioni narrative e disegni che le insegnanti invieranno al personaggio che le utilizzerà per costruire un incontro dal vivo a primavera quando i bambini potranno assistere nel cortile o nel giardino all’incontro con la fiaba.

Te_le-racconto-io-le-storie

CAPPUCCETTO ROSSO

BIANCANEVE

Radio Rap

RADIO RAP
In collaborazione con Radio Rogna
Destinatari scuola secondaria di primo grado

È un’esperienza di animazione teatrale e radiofonica che intende attivare una forte interazione con i ragazzi tramite l’uso delle rime tipiche della metrica del Rap. Un rapper con esperienza di conduzione gruppi e formazione Danilo “Othavio” Manganelli che, nello stile delle “crew” dei gruppi giovanili di musica canto e ballo, sfiderà i ragazzi (collettivamente e individualmente) a comporre temi in rima su basi musicali inviate appositamente. I temi saranno quelli che gli adolescenti intendono sensibili quali amicizia, amore, appartenenza, forza, coraggio, denuncia etc. Si propongono 5 incontri a distanza.
Gli incontri avverranno tramite LIM. Il rapper invierà podcast da ascoltare, racconterà la storia del rap e incoraggerà i ragazzi a comporre e cantare testi. A scelta del Rapper alcuni saranno inviati via radio in trasmissioni particolari in orario extrascolastico.
L’idea è quella di realizzare un contest dal vivo a primavera (nei cortili della scuola, nei giardini o a teatro se possibile) dove i ragazzi presenteranno e rapperanno i loro testi e potranno conoscere dal vivo il Rapper che li ha condotti fino a lì, il contest sarà trasmesso via radio.

radio_rap

Minimal TV – Scuole

MINIMAL TV
Per le scuole dell’infanzia e primarie
Videoletture animate con segni scenici tradizionali e multimediali

Racconti, letture animate e storie raccontate utilizzando oggetti quotidiani o di recupero.
La storia sarà seguita da un tutorial destinato a ragazzi, genitori e insegnanti sulla realizzazione di piccoli scenari teatrali, set da tavolo realizzati con materiale domestico… Scenari, ma anche personaggi costruiti con materiale povero e di facile reperibilità per dare modo agli insegnanti ed ai genitori, o più direttamente ai bambini, di realizzare, tramite la video camera di un qualunque smartphone i propri videoracconti.

minimal_tv_

Radio Lina

Radio Lady media partner
radiolina_
Progetto rivolto alle scuole Primarie

Le classi aderenti al progetto radiofonico e teatrale Radio Lina ricevono un pacco  e dentro trovano una Radio ,macchina molto speciale di nome Lina e una lettera. Nella prima lettera, da aprire all’arrivo del pacco, ci sono le istruzioni per l’uso di Radio Lina:
“la radio si deve sintonizzare su 97,70  in un preciso giorno ad una precisa ora…
Le coordinate per ascoltare la prima storia radiofonica (10 minuti) incentrata sulla richiesta di aiuto del personaggio principale del progetto: Giovannetta. Lei cerca aiuto dai ragazzi, perché Giovannino Perditutto, che si è messo in testa di fare uno spettacolo sulle sue avventure, è così sbadato che non perde la sua testa solo perché è attaccata al collo…. figuriamoci se non ha perso parole, storie, musiche, scenografie dello spettacolo che vuole realizzare!
Con questo pretesto Giovannetta  narra ai ragazzi le storie di Perditutto, liberamente tratte da Rodari, e chiede loro, attivando un processo d’interazione creativa, aiuti di vario genere per permettere che si completi lo spettacolo di Giovannino.
I ragazzi quindi non sono chiamati solo ad essere ascoltatori ma attivi collaboratori di Giovannetta, producendo disegni di scenografie, testi di scene, soluzioni alla storia da mettere in scena.
Il ciclo narrativo delle avventure di Giovannino Perdigiorno prevede 7 puntate  radiofoniche intervallate da ulteriori e progressivi segnali di Giovannetta ai bambini di ogni classe (lettere, telefonate..) e un incontro finale in presenza.
Per arricchire la teatralità del percorso radiofonico sono previsti interventi visivi o sonori di attori in cortile o nel giardino della scuola in coincidenza di almeno una delle puntate del ciclo narrativo.
L’ ottava tappa del percorso, in primavera prevede, possibilmente “in presenza” l’incontro fra Giovannetta e i ragazzi, sfruttando in ossequio delle norme anticovid, lo spazio esterno della scuola, o spazio palestra o simile . Grazie anche ai contributi creativi dati in itinere dai ragazzi, Giovannetta sarà in grado di fare, proprio a loro, lo spettacolo cosi tanto desiderato su e con Giovannino Perditutto.
Ovviamente gli insegnanti sono complici del progetto: si prevedono, possibilmente, tre incontri sulla piattaforma Zoom con gli insegnanti: uno di preparazione al progetto, uno di lavoro dopo tre trasmissioni radio, uno alla fine prima dell’incontro dal vivo con il personaggio, Giovannetta.  Se le condizioni pandemiche nei prossimi mesi rendessero necessaria, malauguratamente, la chiusura delle  scuole, le trasmissioni di e con Giovannetta, in accordo con gli insegnanti, possono essere  inserite nella didattica a distanza, immaginando, infine, che l’incontro visivo fra Giovannetta e i ragazzi coinvolti dal progetto si realizzi tramite  un’azione scenica realizzata in streaming che i bambini, e le loro famiglie, e le insegnanti, possono seguire sui social o in una trasmissione apposita trasmessa da Clivo tv media partner del progetto.

Home

In ottemperanza al DPCM emanato il 24 ottobre 2020 sono sospesi gli spettacoli teatrali aperti al pubblico fino al 24 novembre 2020, nella fattispecie le rassegne di Teatro contemporaneo, Teatri di confine e DireFareTeatrare.
Le leggi ci sono e le rispettiamo, ma la chiusura dei teatri e dei cinema proprio non la comprendiamo. Secondo noi è una scelta sbagliata e grave, perché non tiene conto di fattori cruciali: lo straordinario lavoro di adeguamento alle normative anti/covid degli spazi teatrali, sia quelli destinati all’ospitalità del pubblico, sia quella dedicata agli artisti e più in generale ai lavoratori che operano quotidianamente nei teatri.
Un lavoro che ha garantito nei teatri e nei cinema del Paese la possibilità di coniugare difesa della salute e diritto alla socialità tramite l’arte e la cultura.
In una ricerca promossa dall ‘Agis si dimostra come dal 15 giugno, data della prima riapertura dei teatri, ad oggi, in centinaia di spettacoli fatti in tutt’Italia, su 360.000 spettatori si è verificato un solo caso di contagio accertato.
Si limita, inoltre, in modo significativo il diritto alla socialità e alla cultura dell’incontro comunitario, dando spazio a paure e sospetti che sarà sempre più difficile estirpare dall’immaginario collettivo anche quando la pandemia sarà passata.
Ultimo solo in ordine di apparizione, ma preminente in termini di preoccupazioni, è il colpo che rischia di essere definitivo alle nostre imprese.
Imprese vitali, che nel periodo pre-pandemicio erano in grado di raddoppiare in termini di mercato i contributi ricevuti dalle amministrazioni pubbliche, oltre che produrre una qualità progettuale universalmente riconosciuta.
Imprese già duramente provate dagli effetti della prima chiusura, anche per le caratteristiche del lavoro dello spettacolo dal vivo, caratterizzato da una altissima presenza i lavoratori intermittenti.
Chi volesse informazioni può telefonarci allo 0571/81629-83758.

Care Amiche e Cari Amici, pensando alle bambine e ai bambini dai 2 ai 120 anni di età (che stanno GIUSTAMENTE a casa per difendere la salute di tutt*) abbiamo pensato di dare vita alla Minimal Tv. Si tratta di un palinsesto di letture, racconti e altre sorprese di un teatro in rete pensato per entrare nelle case, che ogni giorno, puntualmente alle ore 10, si arricchirà una nuova storia comunicata in forma di poesia, racconto o lettura animata.
UNA STORIA PER TE, seguici

TEATRO FRA LE GENERAZIONI

BANDI E OPPORTUNITÀ

LE RASSEGNE

TEATRI DI CONFINE Empoli

Rassegna teatrale serale dedicata ai bambini e alle loro famiglie.

PICCOLOdi GENIOo Vinci

A Vinci, città di Leonardo tutto è geniale!

STASERA PAGO IO Castelfiorentino

Rassegna di spettacoli serali dedicati alle famiglie.

SU IL SIPARIO Castelfiorentino

Rassegna domenicale pomeridiana rivolta ai ragazzi e famiglie.

IL BAULE DEI SOGNI S.ta Croce sull'Arno

Rassegna teatrale pomeridiana per ragazzi e famiglie.

IL BAULE DEI SOGNI S.ta Maria a Monte

Rassegna teatrale pomeridiana per ragazzi e famiglie.

DIRE FARE TEATRARE Empoli

Appuntamenti domenicale per ragazzi e famiglie

STASERA PAGO IO

S.ta Croce sull'Arno
Rassegna di spettacoli serali dedicati alle famiglie.

LA PROGRAMMAZIONE

TEATRO DEL POPOLO Castelfiorentino

La programmazione 2020/2021 per il Teatro del Popolo di Castelfiorentino.
SU IL SIPARIO
Castelfiorentino
La programmazione di teatro ragazzi 2020/2021
TEATRI DI CONFINE
Empoli
La programmazione per la stagione 2020/21
STASERA PAGO IO
Castelfiorentino
La programmazione di teatro ragazzi serale 2020/2021
TEATRO CONTEMPORANEO
Empoli
La programmazione per la stagione 2020/21
DIRE FARE TEATRARE
Empoli
La programmazione domenicale per la stagione 2020/21

Il Giallo Mare Minimal Teatro fin dalla sua costituzione ha realizzato un costante percorso di ricerca drammaturgica e scenica incentrata sul recupero di alcuni particolari aspetti della tradizione teatrale e su una originale rilettura della tradizione con gli strumenti della contemporaneità . Pur essendo il nucleo artistico che ha fondato la compagnia tuttora presente alla guida della struttura, Renzo Boldrini e Vania Pucci, il Giallo Mare Minimal Teatro si è sempre caratterizzato per la sua capacità di essere un punto di partenza o di coagulo di progetti (Teatro di Appuntamento, Progetto Teleracconto) che hanno visto la compagnia essere scena d’incontro fra artisti che provengono sia dal mondo del Teatro che da svariate discipline comunicative, quali le Arti plastiche e visive, la scena elettronica, il mondo del video e della musica. Incontri, segni, stimoli, pratiche mai considerate come percorsi paralleli, ma tracce, idee che aiutassero la compagnia a moltiplicare le proprie capacità di visionari della scena: Multiscena è il neologismo con cui, ormai da alcuni anni la compagnia ha battezzato questo percorso di lavoro.

Teatro Contemporaneo – Empoli 2020/21

Al Minimal Teatro di Empoli debutta venerdì 23 ottobre la nuova stagione della rassegna Teatro contemporaneo con un’anteprima nazionale.
In scena una produzione di Giallo Mare Minimal Teatro e Gogmagog dal titolo La trappola con Francesco Pennacchia e Tommaso Taddei.
La rassegna prosegue martedì 10 novembre con Auguri Giacomo! spettacolo omaggio in ricordo di Giacomo Verde, prematuramente scomparso il 2 maggio scorso in pieno lockdown.
Martedì 24 novembre sarà la volta de Il vaso di Pandora, regia e drammaturgia Saverio Tavano, con Marco De Bella, Annibale Pavone e Margherita Smedile produzione Nastro di Möbius; mercoledì 17 febbraio in scena Stay hungry:indagine di un affamato di Angelo Campolo, produzione DAF teatro dell’esatta fantasia.
Ultimo spettacolo mercoledì 17 marzo con la Compagnia Trioche che presenta Papageno Papagena con Irene Geninatti Chiolero, Franca Pampaloni, Nicanor Cancellieri, regia Rita Pelusio una produzione PEM Habitat Teatrali con il sostegno di Catalyst, Giallo Mare Minimal Teatro e LaBolla Teatro.
Gli spettacoli avranno inizio alle 21.00, biglietto € 8.
I prezzi dei biglietti sono invariati rispetto allo scorso anno.
Per tutti gli spettacoli è richiesto l’acquisto in prevendita senza costi aggiuntivi, in modo da ridurre al minimo code e assembramenti e agevolare il tracciamento degli spettatori secondo le normative vigenti.
Si possono comprare i biglietti on-line sul sito www.giallomare.it oppure di persona recandosi presso Giallo Mare Minimal Teatro dal lunedì al venerdì in orario 9.00-13.00 e 14.00-18.00.
Per prenotazioni scrivere a biglietteria@giallomare.it.

Dire Fare Teatrare – Empoli 2020/21

Al Minimal Teatro di Empoli è tempo di spettacoli per bambini.
Al via domenica 25 ottobre la rassegna DireFareTeatrare, dedicata ai bambini e alle famiglie, che è realizzata dal Comune di Empoli, Giallo Mare Minimal Teatro e Fondazione Toscana Spettacolo onlus.
Le compagnie selezionate sono fra le più affermate del panorama teatrale italiano e producono  progetti significativi per il teatro per le nuove generazioni.
Si comincia  la prossima domenica con la produzione del Teatro Glug Topo di campagna Topo di città, di e con Enzo Cozzolino.
Lo spettacolo, consigliato per tutti i bambini a partire dai 3 anni, è una moderna rilettura dell’antichissima favola di Esopo con pupazzi, burattini, musica e attore, prodotta da Teatro Glug.
La messinscena è fedele alla sostanza e al messaggio dell’originale: per apprezzare ciò che si possiede, ogni tanto bisogna cambiare il proprio quotidiano, e più ci si allontana, più lo si impara ad amare. ”Topo di campagna, Topo di città” è una parabola sulla tolleranza e ci insegna che anche nelle cose più semplici si può trovare un grande tesoro.
Il programma di DireFareTeatrare prosegue domenica 1 novembre con una delle ultime produzioni di Giallo Mare  Minimal Teatro Le avventure di Pesce Gaetano di e con Vania Pucci, disegni di sabbia Giulia Rubenni, animazioni digitali Ines Cattabriga. Età consigliata dai 2 ai 7 anni.
Si prosegue domenica 8 novembre I tre porcellini di Renzo Boldrini e Michelangelo Campanale, produzione di Giallo Mare Minimal Teatro; domenica 15 novembre con Casa romantika di e con David Bianchi “Giulivo”, produzione Catalyst; domenica 22 novembre torna Vania Pucci, insieme a Adriana Zamboni, protagonista di Cappuccetto e la nonna e gran finale domenica 29 novembre con Enrichetta dal ciuffo con Marco Cantori e Giacomo Fantoni.
Gli spettacoli avranno sempre due repliche alle 15.00 e alle 17.30.
Il biglietto per ogni singolo spettacolo è di 4.50€.
Per tutti gli spettacoli è richiesto l’acquisto in prevendita senza costi aggiuntivi, in modo da ridurre al minimo code e assembramenti e agevolare il tracciamento degli spettatori secondo le normative vigenti.
Si possono acquistare i biglietti al seguente indirizzo https://www.webtic.it/index.htm#/home?action=loadLocal&localId=5545 oppure di persona recandosi presso Giallo Mare Minimal Teatro dal lunedì al venerdì in orario 9.00-13.00 e 14.00-18.00.
Per prenotazioni scrivere a biglietteria@giallomare.it.