seguici su:













E dopo lo spettacolo esperimenti! Addestramento per Piccoli Geni!
Il professor Trovagenius e la professoressa Sottuttio vi addestreranno per farvi diventare piccoli geni!!! Giocheremo con l’anatomia… delle emozioni.
In quale parte del corpo sta l’amore? Dove si forma il pensiero geniale?
Come si aguzza l’ingegno? In quale parte del corpo sta la rabbia?
Ci sono davvero le farfalle nella pancia? Tutte le cose che vediamo stanno dentro gli occhi? E come nascono le lacrime?

 


Domenica 22 Gennaio ore 16.30

Accademia Perduta/ Romagna Teatri

LA GALLINELLA ROSSA

testo e regia: Danilo Conti e Antonella Piroli
uno spettacolo realizzato da TCP (Tanti Cosi Progetti)
età consigliata: 3-8 anni
tecnica utilizzata: teatro d’attore, pupazzi, oggetti musicali
C’era una volta una gallinella rossa che viveva in una fattoria con i suoi pulcini…
Un giorno la gallinella rossa stava razzolando alla ricerca di cibo, quando trovò dei chicchi di grano. Così le venne in mente un’idea… La gallinella è abituata a cercare grassi vermi sempre col pensiero di nutrire i suoi pulcini. Quando trova il chicco di grano capisce che può farne un uso diverso, un uso il cui risultato non è immediato ma che richiede lavoro, impegno, pazienza e che darà i suoi frutti. Accanto alla gallina, sempre laboriosa e tenace, possiamo infatti trovare il maiale, il topo, l’agnello, l’anatra, il gatto, o altri animali di fattoria, ma di questi animali, nessuno aiuterà la gallinella a preparare la terra.


Domenica 29 Gennaio ore 16.30

TIB Teatro

C’ERA DUE VOLTE UN CUORE

drammaturgia e regiaDaniela Nicosia
con Susanna Cro e Labros Mangheras
età consigliata: 3-10 anni
tecnica utilizzata: teatro d’attore e musica
Una finestra nel cielo azzurro… Due bimbi aspettano di nascere, aspettano con fiducia… e immaginano il mondo che sarà… Lo creano sotto gli occhi degli spettatori: la fioritura improvvisa di un albero di pesco; la luna, grande come una barca, dalla quale lasciarsi trasportare; una valigia da cui gemmano rose e farfalle… Elementi naturali fortemente evocativi, forme riconoscibili dai bambini, che sviluppano il loro immaginario e, insieme all’armonico elemento pittorico dato dal graduale ingresso del colore, alle musiche dolcissime di Jacques Brel e Charles Trenet – incantano i piccoli, mentre emozionano i grandi.Piccole magie, nell’attesa della meraviglia, della bellezza che verrà. Sì, verrà!
Chi aspettano? Aspetta anche tu con loro e lo scoprirai a fine spettacolo!


Domenica 5 Febbraio ore 16.30

Teatro Invito

GIANGATTO E LA STREGA GIUSEPPINA

con Matteo Binda e Giusi Vassena
età consigliata: 3-10 anni
tecnica utilizzata: teatro d’attore

E’ vero quanto si dice delle streghe? Che siano brutte e cattive? Giuseppina è una strega distratta e un po’ pasticciona, ma non mangia i bambini. Preferisce i cioccolatini.
Il suo assistente Giangatto, un gattone musicista e apprendista stregone, la sta aiutando a preparare una pozione magica: ci va una lunga cottura, è la pozione per vincer la paura. Giangatto e Giuseppina racconteranno tre fiabe dal punto di vista della strega: Hansel e Gretel, Biancaneve e la Baba Jaga. Per dimostrare che le streghe e le loro magie possono essere benefiche e non c’è niente di cui aver paura. Il testo va nella direzione del divertimento scanzonato. La scena è caratterizzata da oggetti apparentemente semplici ma utilizzati in modo ingegnoso. I bambini vengono coinvolti nella storia e nell’approntamento di vere e proprie piccole magie.


Domenica 12 Febbraio ore 16.30

Giallo Mare Minimal Teatro

PERCHÈ PIANGI?

regia Vania Pucci, Lucio Diana
con Vania Pucci
età consigliata: 3-8 anni
tecnica utilizzata: attore e immagini

C’era una volta una bambina che piangeva, piangeva, piangeva… niente la consolava! Tanto che le sue lacrime formarono uno stagno di lacrime dove lei cadde e con lei tanti buffi animali… aveva pianto troppo e se non voleva affogare doveva imparare a nuotare in quel mare di lacrime…Una bambola che cade, si rotola, viene sgridata, ricade e soprattutto piange… è il pretesto per un dialogo tra madre e figlia, una tappa di educazione sentimentale per parlare di lacrime, lacrime per ferite sulla pelle e per ferite dentro l’animo, lacrime per la zuppa di cipolle e lacrime di gioia… un mare di lacrime dove quasi affogare o solo nuotare… Protagonisti una bambola, un’attrice e un artista che disegna il mondo intorno a loro.


Domenica 19 Febbraio ore 16.30

Aldes

L’ALBERO DELLA FELICITÀ

di e con Giacomo Verde
realizzazione teatrino video-olografico: Silvia Avigo
realizzazione sistema luci Led: Paolo Morelli
computer grafica: Giacomo Verde
musiche: Whisky Trail
età consigliata: dai 6 anni in su
tecnica utilizzata: narrazione e animazione 3D

La storia racconta di un giovane che non riesce a trovare un lavoro che lo soddisfi e di una vecchia che gli predice che solo quando troverà il lavoro giusto sarà felice, ma dovrà farlo per amore e non per denaro. E poi ci sono: una povera madre, una lucertola in pericolo, un Re malato molto prepotente e delle pere magiche super colorate. I personaggi della storia, che vengono mostrati attraverso un teatrino olografico, sono realizzati in grafica 3D.